header caar ita

La nuova pista ciclabile nei pressi di ValbrunaDa qualche giorno sono stati aperti al pubblico i due tratti di pista ciclabile realizzati sul sedime della vecchia ferrovia Pontebbana. Si tratta di due tronconi di pista ciclabile, lunghi ognuno poco meno di 2 chilometri, realizzati in maniera magistrale dalla Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale. Il primo tratto rettifica il precedente tracciato ufficiale che portava a Valbruna (è comunque prevista una variante del tracciato per i cicloturisti che volessero visitare questo pittoresco villaggio alpino) mentre il secondo si trova nei pressi di Malborghetto e permette di evitare il piccolo ma insidioso guado sul Rio Palug (ed anche alcune salite che non erano molto apprezzate dai ciclisti meno allenati).

Come per il tratto tra Venzone e Gemona realizzato di recente dallo stesso ente, chi ha progettato e realizzato questi tratti ha confermato la propria competenza nel settore: la pista ciclabile è larga in media 3 metri e realizzata con un abbondante strato di asfalto (in grado di resistere ai rigori invernali di queste vallate). Mi ha fatto piacere constatare che i portali posizionati presso le intersezioni con la viabilità ordinaria hanno una luce piuttosto ampia che permette a chi viaggia con velocipedi non convenzionali (tandem, handbike, recumbent o con carrelli al seguito) di superare più agevolmente questi passaggi.

Complimenti quindi ai tecnici della Comunità Montana che hanno seguito questo progetto. Mi auguro che la loro professionalità e sensibilità nei confronti di chi pedala venga presa ad esempio anche dagli altri Enti impegnati nel completamento della Ciclovia Alpe Adria Radweg e degli altri percorsi ciclabili presenti in regione.

L'imbocco della nuova pista ciclabile nei pressi di Malborghetto  La galleria che permette di evitare il guado sul Rio Palug  Il cartello con i dati tecnici dei lavori