header caar ita

Cartello fai da te a Palmanova

Sabato, primissimo pomeriggio, sto rientrando verso Udine (purtroppo in auto) da una escursione naturalistica alle Riserva naturale delle foci dell'Isonzo. A Cervignano del Friuli incrocio il tracciato ufficiale della Ciclovia Alpe Adria Radweg. Proprio presso la nuova rotonda incontro un cospicuo gruppo di cicloturisti in difficoltà: sono riusciti in qualche maniera a fermare il traffico per attraversare la trafficata strada regionale SR352 (il semaforo che dovrebbe mettere in sicurezza tale attraversamento non è stato ancora attivato e le strisce ciclo-pedonali presenti sull'asfalto sono talmente scolorite che difficilmente un automobilista le vede) ma l'accesso alla nuova pista ciclabile è sbarrato da degli archetti metallici.

Cicloturisti sulla Strada Regionale 352I cicloturisti, bici alla mano, stanno tentando di scavalcare il cordolo in cemento che separa la strada dalla pista ciclabile e uno di loro, complice la bici carica di bagagli, cade rovinosamente. Per fortuna tutto si risolve con qualche botta e una sbucciatura al gomito. La maggiore preoccupazione dell'anziano cicloturista austriaco è quella di aver rovinato la bici... per fortuna tutto è a posto!

Riprendo il viaggio guidando a lato della pista ciclabile: noto con piacere che molti cicloturisti la stanno percorrendo, quasi tutti in direzione di Grado. Giunto al primo incroco per Strassoldo, dove la Ciclovia si allontana dalla strada regionale, rallento per permettere ad un altro gruppetto di cicloturisti (i quali stavano pedalando sulla SR352) di attraversare la strada per raggiungere la pista ciclabile. Un terzo gruppo, più numeroso, lo incrocio tra Strassoldo e Bagnaria Arsa: anche loro hanno perso il tracciato ufficiale della Ciclovia.

E' molto probabile tutti che questi cicloturisti non si siano accorti che all'uscita di Palmanova bisogna svoltare subito a sinistra al fine di restare sul tracciato ufficiale della Ciclovia Alpe Adria Radweg. Purtroppo in questo punto la tabellazione ufficiale è stata collocata in maniera errata e non è visibile dai cicloturisti che escono dalla città stellata e probabilmente anche i piccoli segnavia adesivi collocati dai volontari non sono molto visibili. Ecco perchè tantissimi cicloturisti mettono a repentaglio le loro vite pedalando per oltre 5 km  lungo la strada regionale (assai pericolosa per i ciclisti in quanto è stretta e molto trafficata) fino al superamento di Stassoldo dove ritrovano il tracciato ufficiale (la pista clabile è ben visibile sul lato opposto della strada). Il nuovo segnale fai da te uscendo da Palmanova (porta Aquileia)Ricordo che tra Palmanova e Strassoldo la Ciclovia si allontana dalla SR352 e corre lungo strade comunali poco trafficate, permettendo anche a chi sta pedalando lungo la CAAR di visitare il delizioso borgo medioevale di Strassoldo.

Giunto a Palmanova, ne approfitto per una passeggiata nella piazza principale: soltanto nella piazza conto una trentina di biciclette con altrettanti cicloturisti che stanno pranzando o mangiando un gelato negli esercizi commerciali di questa pittoresca località. Notando che un gruppetto si sta preparando per ripartire, mi porto all'uscita di porta Aquileia, dove la CAAR si stacca dalla strada regionale. Dopo pochi minuti arrivano anche i cicloturisti che non si accorgono dei cartelli e tirano dritto sull'asfalto. Richiamo la loro attenzione e segnalo loro il  percorso corretto. Dettaglio del nuovo segnale fai da te uscendo da Palmanova (porta Aquileia)Alcuni di loro ringraziano in tedesco e richiamano tutto il gruppo per prendere la pista ciclabile.

Rientrato a casa accendo il computer, stampo due fogli A4, li plastifico e, inforcata la bici, ridiscendo a Palmanova per collocarli nel famigerato incrocio. In analogia con quanto già fatto dai comuni di Osoppo e Buja (come soluzione provvisoria ma funzionale in attesa di collocare la tabellazione definitiva), con una spesa di pochi centesimi di euro spero di essere d'aiuto agli amici cicloturisti che stanno percorrendo la nostra Ciclovia Alpe Adria Radweg. Sollecito comunque il Comune di Palmanova a provvedere con la tabellazione definitiva ed a risolvere anche le altre criticità inerenti questo stupendo e ormai celebre percorso cicloturistico.

 

{jcomments on}