header caar ita

sasa janez machtigSe state pedalando sulla Ciclovia Alpe Adria Radweg tra Pontebba e Venzone, non potete assolutamente perdervi una fermata alla vecchia Stazione di Chiusaforte. I ragazzi della cooperativa “La Chiusa” hanno ridato vita al fabbricato convertendolo in posto di ristoro e di relax.
La struttura, aperta da pochi anni, è subito diventata un punto di riferimento per i cicloturisti. Senz'altro il merito di questo successo è dovuto all’ottima cucina dello chef Paolo, alla gentilezza e disponibilità di tutto il personale e alle numerose iniziative culturali che vengono organizzate dai ragazzi de “La Chiusa”.
Come se non bastasse tutto questo, quasi tutte le nostre fermate alla Stazione di Chiusaforte ci hanno riservato degli interessanti incontri. Tra gli altri, oggi è stata la volta del designer sloveno Saša Janez Mächtig, a cui la televisione di stato slovena sta dedicando un documentario sulla sua vita e le sue innovative creazioni. Una delle opere più importanti del professor Saša J. Mächtig è il “ljubljanski kiosk” (per approfondire: http://ljubljanskilonec.si/en/655-2/) esposta anche al museo MoMA (Museum of Modern Art) di New York.
Il designer, persona semplice e affabile, mi ha spiegato che ha scelto di pedalare sulla Ciclovia Alpe Adria Radweg poiché questa rappresenta idealmente una connessione tra i popoli, unendo l’Austria alla Slovenia e all’Italia. E quale posto migliore della Stazione di Chiusaforte per fare alcune riprese: in questa storica stazione ferroviaria l’ideale di Saša viene ulteriormente amplificato. Mentre siete seduti ai tavolini è molto probabile che i vostri vicini provengano da una qualsiasi delle nazioni europee e talvolta anche da altri continenti. Se non ci credete, provate a consultare il libro degli ospiti che si trova presso la porta d’ingresso!

sasa janez machtigsasa janez machtigsasa janez machtig