header caar ita

Nella festività del primo maggio è stata verificata la percorribilità della Ciclovia Alpe Adria da Stazione per la Carnia fino a Pontebba. La cartografia divulgata dalla Regione indica che la ciclopista utilizzerà il vecchio ponte ferroviario sul torrente Fella per raggiungere il versante destro del Canal del Ferro (attualmente percorso da una strada comunale). Da qui si può raggiungere Moggio percorrendo una tranquilla e pittoresca strada militare (in parte sterrata) che corre a fianco dell’autostrada. A Moggio Udinese il tracciato (peraltro già segnalato dai cartelli Bici Italia) prosegue verso Chiusaforte lungo una strada secondaria che tocca le borgate di Ovedasso e Roveredo. Presso Ponte Peraria finalmente la ciclovia dovrebbe salire sul tracciaro ferroviario dismesso: verso Nord si potrà proseguire per Chiusaforte mentre imboccando il ponte sul Fella si può raggiungere Resiutta.Qui dovrebbe iniziare uno dei tratti più suggestivi dell’intera ciclabile. Purtroppo, al momento attuale, questo tratto della pista non è pavimentato e la sua percorribilità in bicicletta è davvero disagevole (senza contare che di tanto in tanto si incontrano dei cartelli che vietano l’accesso all’opera). Il fondo è rappresentato dal pietrisco non compattato che sosteneva i binari in cui i binari affondano inesorabilmente. La Lo scorso anno erano stati fatti numerosi lavori per rimuovere la vegetazione che era cresciuta sulla massicciata ferroviaria e per mettere in sicurezza i numerosi ponti e viadotti. Tutto lasciava presagire che la ciclabile avrebbe potuto essere percorribile entro il 2009. Invece la Regione ha tagliato i fondi per il completamento dell’opera (mancano da completare solo le opere di pavimentazione). La pista ciclabile riprende presso il confine tra il comune di Dogna e quello di Pontebba ed prosegue quasi integralmente fino al confine di stato senza interruzioni.