header caar ita

L’inaugurazione del tratto lagunare della CAAR è stata una buona occasione per verificare lo stato della ciclabile tra Palmanova e Belvedere. Di seguito il triste elenco dei punti critici riscontrati.
Penosa è la situazione nel tratto alle porte della città stellata di Palmanova: lo spettacolare passaggio in mezzo ai bastioni è rovinato dalle condizioni del fondo stradale. Si incontrano molti tratti con ghiaino in cui le bici sbandano mentre nei tratti in salita i copertoni da trekking perdono aderenza slittando. Questo tratto probabilmente potrebbe essere affrontato con relativa agilità solo da MTB.
Poco oltre incontriamo il famigerato tratto pavimentato con “ghiaione”. La vegetazione sta crescendo rigogliosa ed i pochi ciclisti che passano di qui oramai pedalano in una traccia di sentiero che poco ha a che fare con una pista ciclabile. Vergognoso a dir poco!
Ulteriore problema a Muscoli dove non è stato ancora posto rimedio alla brusca interruzione della ciclabile dovuta all’ampliamento del campo sportivo (i lavori risalgono a oltre un anno fa: il campo sportivo è stato completato da mesi mentre il moncone della ciclabile finisce inghiottito dalla nuova recinzione).
All’ingresso di Cervignano, il semaforo che dovrebbe agevolare i ciclisti nell’attraversamento della trafficata strada regionale è ancora spento. Sull’altro lato della strada, è stato posizionato un cartello che dovrebbe indicare la presenza di una pista ciclabile. In realtà, al momento attuale, c’è solo una striscia di ghiaia tra l’asfalto della strada regionale e le recinzioni delle attività commerciali, peraltro occupata da una selva di cartelli (con le indicazioni stradali per l’incrocio che si trova poco oltre) oppure dalle autovetture qui parcheggiate.
Non c’è al momento alcuna indicazione per l’attraversamento del centro di Cervignano del Friuli. I ciclisti devono obbligatoriamente pedalare sulla trafficata strada regionale sopracitata. La ciclabile Alpe Adria (ma la cartellonistica non è stata ancora posizionata) riprende soltanto dopo essere usciti da questa cittadina (continua… nella prossima puntata prometto che darò anche qualche buona notizia!)