header caar ita

Dalla piazza di Pontebba si oltrepassa il ponte sul torrente Pontebbana, fino al 1919 confine tra Italia e Austria e si imbocca la via di fronte all’ufficio turistico. Una ripida salita ci permette di oltrepassare la linea ferroviaria: da qui si segue la strada che costeggia lo scalo ferroviario e si esce dal paese superando il Rio degli Uccelli su di un ponticello riservato ai ciclisti, adiacente alla strada statale, di recente realizzazione. Ancora un tratto su di una strada secondaria e finalmente la Ciclovia Alpe Adria Radweg torna di nuovo sul tracciato della vecchia ferrovia Pontebbana nei pressi della stazione di La Glesie – San Leopoldo.

  • 750x500_camporosso.jpg
  • P1250595_ciclovia-camporosso_750.JPG
  • 750x500_bagni3.jpg
  • 750x500_bagni1.jpg
  • IMGP4942_ciclisti-tarvisio_750.jpeg
  • 750x500_bagni2.jpg
  • 2012-08-25-626_1.jpg
  • 750x500_bagni4.jpg
  • 750x500_camporosso1.jpg
  • 750x500_ombrico.jpg
  • 750x500_ugovizza2.jpg
  • IMGP5004_forte-hensel_750.jpg
  • 750x500_ugovizza1.jpg

La pista ciclabile corre ora nella tranquillità della Val Canale in un paesaggio tipicamente alpino. Presso la stazione termale di Bagni di Lusnizza, rinomata ai tempi dell’impero austroungarico per le sue sorgenti sulfuree, un ponte ci riporta sul versante sinistro della vallata. Si continua a pedalare in leggerissima e costante salita in mezzo a boschi, prati e baite caratteristiche sfiorando il grazioso villaggio di Santa Caterina e superando le due gallerie che si trovano di fronte a Malborghetto. Assolutamente consigliata la visita di questo pittoresco villaggio alpino che conserva intatti molti edifici storici, tra cui il Palazzo Veneziano, dov'è ospitato un importante museo etnografico, oltre alla  chiesa parrocchiale gotica di Santa Maria.

Ancora qualche chilometro in salita per raggiungere il paese di Ugovizza, uscendo dal quale si consiglia di lasciare la pista ciclabile per raggiungere il pittoresco villaggio di Valbruna con la suggestiva veduta della Val Saisera, che si chiude con le maestose pareti dello Jof Fuart.

Ripreso il vecchio tracciato della Pontebbana si arriva in pochi minuti alla Sella di Camporosso: il più basso valico delle Alpi (816 m) nonché spartiacque tra Mar Adriatico e Mar Nero. Superato il portale “contaciclisti” nei pressi della partenza della funivia per il Santuario del Monte Lussari si raggiunge Camporosso e quindi si scende a Tarvisio. Questo è il paese più importante della vallata e da secoli ospita un importante mercato.

Tarvisio - Villach