header caar ita

Ripartiamo da Tarvisio continuando a pedalare in leggera salita sempre sul vecchio tracciato ferroviario trasformato in pista ciclabile asfaltata. Usciti dalla cittadina attraversiamo un altro tratto della millenaria Foresta di Tarvisio per proseguire poi in mezzo a dei prati sempre ben tenuti fino ad arrivare a Camporosso, caratteristico villaggio alpino che sorge proprio sull'omonima sella, uno dei passi più bassi delle Alpi e spartiacque tra il Mar Adriatico e il Mar Nero.

  • 750x500_camporosso.jpg
  • P1250595_ciclovia-camporosso_750.JPG
  • 750x500_bagni3.jpg
  • 750x500_bagni1.jpg
  • IMGP4942_ciclisti-tarvisio_750.jpeg
  • 750x500_bagni2.jpg
  • 2012-08-25-626_1.jpg
  • 750x500_bagni4.jpg
  • 750x500_camporosso1.jpg
  • 750x500_ombrico.jpg
  • 750x500_ugovizza2.jpg
  • IMGP5004_forte-hensel_750.jpg
  • 750x500_ugovizza1.jpg

Superato il paese e la funivia che sale al Santuario del Monte Lussari, i cicloturisti devono affrontare ancora un breve sforzo in salita per raggiungere il vecchio "Culmine" della ferrovia sulla Sella di Camporosso (817 m). Da qui inizia la lunga e divertente discesa lungo la Val Canale pedalando sempre sulla pista ciclabile asfaltata realizzata sul sedime della vecchia ferrovia Pontebbana.

Giunti all'altezza della vecchia stazione di Valbruna, si consiglia una breve deviazione per visitare questo delizioso villaggio alpino da cui si possono ammirare delle suggestive vedute della Val Saisera e della spettacolare parete nord del Jof Fuart.

La Ciclovia Alpe Adria Radweg continua la sua discesa passando in mezzo a boschi e prati e superando Ugovizza, con la vecchia stazione trasformata in punto di ristoro. Arrivati alla prima galleria di Malborghetto vi consiglio una breve deviazione per visitare questo pittoresco villaggio alpino che conserva intatti molti edifici storici. Tra questi merita una visita il Palazzo Veneziano, che ospita anche un importante museo etnografico.

Tornati sulla ciclabile si pedala ancora in discesa entrando nelle le due gallerie ferroviarie che si trovano di fronte a Malborghetto per giungere in breve nei pressi di Bagni di Lusnizza, località celebre in passato per una sorgente di acqua sulfurea dalle notevoli proprietà curative. Qui il vecchio ponte ferroviario ci porta sulla sponda opposta del fiume Fella, offrendo allo stesso tempo una bella veduta sulla vallata. La Ciclovia Alpe Adria Radweg prosegue sempre sulla vecchia ferrovia superando una breve galleria e una zona un po' brulla in quanto soggetta all'erosione del fiume.

Presso la vecchia stazione ferroviaria di Laglesie San Leopoldo la pista ciclabile termina e dobbiamo proseguire su una strada asfaltata poco trafficata che in pochi chilometri ci porta fino a Pontebba, importante località dove termina la Val Canale e inizia il Canal del Ferro.

Pontebba - Venzone

  • DETTAGLI
  • MAPPA
  • COSE da VEDERE
  • MANGIARE e DORMIRE
  • INFORMAZIONI e SERVIZI
  • Lunghezza della tappa: 24 km
  • Dislivello in salita: 95 m
  • Dislivello in discesa: 255 m
  • Difficoltà: facile
  • Scarica la traccia per il tuo GPS: logo gps

km,

TARVISIO

  • la chiesa fortificata dei Santi Pietro e Paolo (XIV sec.)
  • l'Orrido dello Slizza

CAMPOROSSO

  • il centro storico
  • il santuario del Monte Lussari

VALBRUNA

  • il centro storico
  • la Val Saisera
  • il forte Beisner

UGOVIZZA

  • la Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo
  • la Val Bartolo

MALBORGHETTO

  • il Palazzo Veneziano (XVII sec) con il Museo etnografico
  • la Chiesa di Santa Maria

BAGNI DI LUSNIZZA

  • la Chiesa di San Gottardo (XV sec)
  • le sorgenti di acqua solforosa

PONTEBBA

  • la Pieve di Santa Maria Maggiore con lo splendido altare ligneo a sportelli, Flügelaltar del 1517
  • il Passo Pramollo (Nassfeld)
  • il Palazzo Municipale (1923)
  • il Palaghiaccio, dove giocano a hockey le "Aquile di Pontebba

TARVISIO

 


CAMPOROSSO

 


VALBRUNA

 


UGOVIZZA

 


MALBORGHETTO

 


BAGNI DI LUSNIZZA

 


PONTEBBA